Il Comitato

Da memoria tragica a simbolo e impegno di libertà, giustizia e pace.

Il Comitato per le Onoranze ai Caduti di Marzabotto venne costituito dal Comune di Marzabotto nel 1954, insieme ad altre istituzioni, per mantenere la memoria dell’eccidio, soprattutto attraverso la commemorazione ufficiale che si tiene ogni anno tra la fine di settembre e l’inizio di ottobre. Con la Legge Regionale n. 47 del 20 ottobre 1982, il Comitato ha assunto il valore di organismo regionale (Comitato Regionale per le Onoranze, ecc.), ampliando le proprie competenze statutarie e allargando la base associativa. Artefice del passaggio regionale del Comitato fu Dante Cruicchi, allora Sindaco di Marzabotto.  Cruicchi ne divenne il primo presidente e mantenne la carica fino alla sua morte, avvenuta nel 2011.

Composizione

L’Assemblea del Comitato è composto da quattro rappresentanti delle famiglie delle Medaglie d’Oro Mario Musolesi, Giovanni Fornasini, Gastone Rossi e Francesco Calzolari; da sei familiari di caduti o superstiti, due per ognuno dei Comuni di Grizzana Morandi, Marzabotto e Monzuno; due rappresentanti dei Comuni di Grizzana Morandi, Marzabotto e Monzuno; due rappresentanti della Regione Emilia-Romagna; due rappresentanti del Consiglio della Città Metropolitana di Bologna; un rappresentante della Diocesi di Bologna; tre rappresentanti delle Associazioni Partigiane e Combattentistiche, uno per ogni Comune di Grizzana Morandi, Marzabotto e Monzuno; un rappresentante delle organizzazioni sindacali CGIL, CISL e UIL di Bologna; un rappresentante dell’Istituto per la Storia e la Memoria del Novecento – Parri E-R.

Comitato ai caduti di marzabotto

Il saluto del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano

Telegramma inviato al Sindaco di Marzabotto, Romano Franchi, in occasione del Convegno nazionale “L’artigiano della pace”. Dante Cruicchi nel Novecento, tenutosi a Marzabotto il 6 ottobre 2012.
Con sentimento di profonda partecipazione sono vicino a lei, Signor Sindaco, e a tutta la cittadinanza di Marzabotto chiamata a rinnovare, a sessantotto anni dal tragico eccidio, la memoria delle inermi vittime della disumana ferocia nazifascista che colpì la vostra comunità. Essa oggi rivolge il suo commosso pensiero a quegli uomini, donne e bambini barbaramente uccisi e a tutti coloro che combatterono e sacrificarono la loro vita per opporsi con determinazione e coraggio alla dittatura fascista e all’occupazione straniera, in nome degli ideali di libertà, di democrazia e di giustizia sociale che sono a fondamento della nostra Costituzione.
In questo stesso giorno i cittadini di Marzabotto sono chiamati a ricordare Dante Cruicchi, per dieci anni sindaco indimenticabile della vostra città, al quale il Comitato Regionale per le Onoranze ai Caduti di Marzabotto dedica giustamente, a poco più di un anno dalla scomparsa, un convegno che ne ricorda l’eccezionale impegno in favore, della tolleranza e della civile convivenza tra popoli e nazioni. Con questo spirito rivolgo a lei, gentile Sindaco, alle autorità convenute, ai familiari delle vittime e a tutti i presenti il mio partecipe e solidale saluto.